chidiceno

CINQUE COOPERATIVE DEL TERZO SETTORE MILANESE DICONO NO 
AL NUOVO BANDO DELL’ACCOGLIENZA DIFFUSA 
DELLA PREFETTURA DI MILANO 

Milano, 13 marzo 2019 – Cinque cooperative sociali della Lombardia (Coop Lotta Contro l’Emarginazione Onlus, Diapason Cooperativa Sociale, Fuori Luoghi Onlus, Il Melograno Onlus, Passapartout Consorzio di Imprese Sociali) di cui tre facenti parte del CNCA Lombardia, in un percorso condiviso con le Centrali Cooperative Legacoop e Confcooperative, hanno deciso di non partecipare al nuovo bando dell’accoglienza diffusa della Prefettura di Milano la cui scadenza era fissata per ieri 12 marzo.

Contestualmente le cinque cooperative lombarde hanno depositato un ricorso al Tar del Lazio per chiedere l’annullamento con sospensiva del nuovo bando perché non rispetta gli standard di qualità definiti dalla Carta della Buona Accoglienza, promossa da Confcooperative, Legacoop e poi sottoscritta nel 2016 a livello nazionale da ANCI e dal Ministero degli Interni, e perché non consente di sostenere e coprire i costi necessari per gestire il servizio pur con le ridotte prestazioni previste dal nuovo capitolato.

“L’accoglienza diffusa -spiega Paolo Cattaneo, presidente di CNCA Lombardia– non è solo una risposta operativa al diritto abitativo dei richiedenti asilo, ma è la nostra proposta politica e culturale al bisogno di percorsi di inclusione ed integrazione delle singole persone e delle comunità territoriali. Far saltare questa proposta con i ridicoli capitolati proposti dal Ministero e dalle Prefetture significa far saltare la possibilità di avere un Paese integrato nella sua dimensione sociale ed umana”

“La decisione di fare ricorso al Tar del Lazio è la nostra democratica reazione al decreto sicurezza e all’impostazione dei nuovi bandi, culturalmente e socialmente sbagliata oltre che economicamente insostenibile”, sottolinea Silvia Bartellini, presidente di Passepartout Consorzio di Imprese Sociali, una delle realtà coinvolte nel ricorso.
“Il taglio delle retteprevisto dai nuovi bandi che stanno uscendo in tutta Italia, infatti, va a discapito delle professionalità degli operatori che lavorano nelle strutture dell’accoglienza diffusa e dei servizi di integrazione forniti agli ospiti. Queste organizzazioni lavorano da molti anni nell’accoglienza di persone in situazione di fragilità e quella dell’inclusione e dell’integrazione è la vera alternativa a un sistema di puro assistenzialismo che si allontana dalla cura e dall’attenzione verso la persona e a questo diciamo uniti fermamente no”.

La conseguenza immediata della decisione presa dalle cinque realtà del terzo settore milanese di non partecipare al bando della Prefettura di Milano si traduce nel rischio concreto per le persone accolte da queste realtà dell’accoglienza diffusa di tornare nei grandi centri collettivi allo scadere del prossimo 30 aprile, perdendo così di fatto il principio reale dell’opera d’integrazione.

Diversi enti del Terzo settore si stanno organizzando in altre Regioni per far fronte ai nuovi bandi, attraverso iniziative simili. Quanto le accomuna è l’idea che deve essere rispettata la dignità della persona, ancor più se fragile, nonché la dignità del lavoro prestato in questo settore, rifuggendo da valutazioni astratte sui costi di riferimento.

“La scelta delle cooperative milanesi, cui si aggiungerà presto quella di altre realtà in Provincie diverse, va intesa come la volontà di affermare e difendere un modello imprenditoriale che non può scindere gli aspetti economici da quelli valoriali; di fronte alla prospettiva di vedersi paragonare a semplici ‘custodi e controllori’ e di veder vanificati percorsi di inclusione sociale e lavorativa intrapresi con tanta fatica e passione è legittimo, da parte delle associate, intraprendere la strada giudiziaria”, evidenzia Valeria Negrini di ConfCooperative e portavoce dell’Alleanza Cooperative Italiana-Welfare Lombardia.

La Prefettura milanese è stata fra le prime, tra le grandi città,a pubblicare le gare per gli enti che vogliono gestirecentri per richiedenti asilo nel 2019 e 2020: 2.900 posti complessivi, di cui 50 in appartamenti, 500 in strutture collettive fino a 50 posti, altri 1.650 per centri collettivi da 51 a 300 posti. A essere penalizzate sono soprattutto le piccole strutture dell’accoglienza diffusa, vera leva che sostiene il processo d’inclusione e integrazione.

Le cinque cooperative e onlus milanesi che hanno fatto ricorso al Tar del Lazio accolgono in totale 313 richiedenti asilo con fragilità diverse. Tutte persone con diritto a un’accoglienza inclusiva e non assistenziale e che entro il 30 aprile, se la gara non verrà nel frattempo sospesa o annullata dal Giudice amministrativo, rischieranno di essere spostate nei grandi centri collettivi, interrompendo il percorso di integrazione sin qui intrapreso.

“Insieme alla cooperative aderenti, abbiamo sempre sostenuto un modello di intervento che punta a integrare le persone migranti, accogliendole in modo capillare e diffuso, e dunque meno impattante nelle città e nei territori. Il taglio delle risorse impedisce ora di lavorare per integrare, scegliendo una modalità di intervento non sociale, ma solo securitaria. Non possiamo salire su un treno del genere e quindi appoggiamo con convinzione questo ricorso e altre iniziative simili che sappiamo già in cantiere”, ribadisce Felice Romeo, coordinatore area welfare di Legacoop Lombardia.

PEOPLE prima le persone!

IMG-20190302-WA0021CNCA LOMBARDIA C’ERA!

Insieme a tanti soggetti della società civile, abbiamo aderito alla manifestazione nazionale “People – Prima le Persone”, che si è tenuta a Milano il 2 marzo scorso.  Siamo scesi in strada per riaffermare alcuni fondamentali principi di civiltà, primo tra tutti quello del rispetto della persona umana, senza alcuna discriminazione.Il nostro è stato un appello a tutte e a tutti:  una grande iniziativa pubblica per dire che vogliamo un mondo che metta al centro le persone.
La politica della paura e la cultura della discriminazione vengono sistematicamente perseguite per alimentare l’odio e per creare cittadini e cittadine di serie A e di serie B.
Per noi, invece, il nemico è la diseguaglianza, lo sfruttamento, la condizione di precarietà.
Inclusione, pari opportunità e una democrazia reale per un Paese senza discriminazioni, senza muri, senza barriere.
Perché crediamo che la buona politica debba essere fondata sull’affermazione dei diritti umani, sociali e civili.
Perché pensiamo che le differenze – legate al genere, all’etnia, alla condizione sociale, alla religione, all’orientamento sessuale, alla nazione di provenienza e persino alla salute – non debbano mai diventare un’occasione per creare nuove persone da segregare, nemici da perseguire e ghettizzare o individui da emarginare.
Noi siamo per i diritti e per l’inclusione.
Noi siamo antirazzisti, antifascisti e convinti che la diversità sia un valore e una ricchezza culturale.
E nel ribadire Prima le Persone diciamo che servono, in Italia e in Europa, politiche sociali nuove ed efficaci, per il lavoro, per la casa, per i diritti delle donne, per la scuola e a tutela delle persone con disabilità.
Noi ci battiamo per il riscatto dei più deboli e per scelte radicalmente diverse da quelle compiute sino a oggi in materia di immigrazione, politiche di inclusione, lotta alle diseguaglianze e alla povertà.
Noi ci siamo mobilitati insieme per un’Italia e un’Europa più giuste e aperte.
Un’Europa nella quale venga sconfitta la spinta del neonazionalismo che porta nuove barriere, che fomenta la violenza, che fa del migrante un capro espiatorio.
Noi siamo per un’Europa che voglia scommettere con convinzione su una rivoluzione delle politiche economiche, sociali e del lavoro a tutela di tutte le persone.
Perché ciascuno di noi è prima di tutto persona.
Noi vogliamo un Paese del quale tornare a essere orgogliosi, senza dimenticare mai le grandi sfide di chi l’aveva immaginato diverso da come è oggi.

IMG-20190302-WA0010 (1)

A Milano “Note a margine”: una “biblioteca vivente” per promuovere il dialogo e ridurre i pregiudizi. Tra i promotori vari aderenti al CNCA Lombardia

libro viventeMilano, 1 febbraio 2019 – All’interno delle iniziative previste per l’8° Forum delle Politiche Sociali del Comune di Milanosabato 2 febbraio dalle ore 14,30 alle ore 17,30, presso la GAM Galleria d’Arte Moderna in via Palestro 16, Milano avrà luogo l’iniziativa Human Library “NOTE A MARGINE” – Esperienze di crisi e opportunità.

Con “biblioteca vivente”, traduzione del termine Human Library, si intende un metodo innovativo, semplice e concreto per promuovere il dialogo, ridurre i pregiudizi, rompere gli stereotipi e favorire la comprensione tra persone di diversa età, sesso, stili di vita e background culturale.

La “biblioteca vivente” si presenta come una vera biblioteca, con i bibliotecari e un catalogo di titoli da cui scegliere

La differenza -spiegano gli organizzatori- sta nel fatto che per leggere i libri non bisogna sfogliare le pagine ma parlarci, perché i libri sono persone in carne ed ossa! Questi “libri viventi” vengono “presi in prestito” per la conversazione: ogni lettore sceglie il suo libro.

Note a Margine è un’iniziativa dei progetti WelcHome aggancia e include 2.0 e Contatta e include 2.0 in collaborazione con F.E.M – Fondazione Empatia Milano.

Cosa vuol dire stare dentro o fuori dai margini? Cos’è il margine? Quello di una pagina, di un quartiere, di una città? E cosa significa sentirsi ai margini? Può essere una scelta, per avere un punto di vista diverso ed esclusivo. Oppure è una posizione scomoda, che gli altri ci hanno imposto? Una crisi che ti mette ai margini, può diventare l’occasione per scoprire un nuovo centro? Hai mai provato l’esperienza di essere ai margini?
Di storie come queste ne abbiamo raccolte un bel po’.
Le trovate nella Fem Human Library. Una biblioteca vivente, fatta di libri in carne ed ossa. Con tanto di bibliotecari, catalogo e quarte di copertina tra cui potrete scegliere il titolo del vostro libro. Da sfogliare ed ascoltare per un quarto d’ora. Per scoprire qualcosa di inedito anche su di voi.

progetti WelcHome realizzano nella città di Milano attività di riduzione dei rischi e del danno finalizzate al contatto e aggancio di persone giovani e adulte consumatori, abusatori e dipendenti di sostanze legali e illegali; promuovono inoltre attività di accoglienza finalizzate alla definizione di percorsi di inclusione per le persone più fragili e/o in condizione di marginalità e attività realizzate tramite l’Unità di strada attualmente ingaggiata nella piazza di Rogoredo ed è realizzato dalla seguente partnership:

  *   Cooperativa Lotta Contro l’Emarginazione
*   Associazione Comunità Nuova onlus
*   ATS Milano Metropolitana
*   ASST Santi Paolo e Carlo
*   Comune di Milano
*   Cooperativa sociale Coopwork
*   CeAS – Centro Ambrosiano di Solidarietà
*   Cooperativa Spazio Aperto Servizi
*   SMI CAD
*   AxL S.p.A. – Agenzia per il Lavoro

“Parole di cuore” porterà scrittori e artisti nel parco di Rogoredo, una delle maggiori piazze di spaccio d’Italia (17 novembre 2018, a partire dalle 11)

Il CNCA Lombardia interviene nell’area dal 2013 e incontra mediamente 100 persone al giorno:
“In cinque anni aumentato il numero di frequentatori, in arrivo ormai da tutto il Nord Italia”

Milano, 15 novembre 2018 – Il 17 novembre 2018 l’iniziativa “Parole di cuore” porterà nel Parco milanese di Rogoredo -noto alle cronache come una delle maggiori piazze europee di spaccio e consumo di sostenze stupefacenti- scrittori e artisti. L’evento (patrocinato dalMunicipio 4 di Milano, in collaborazione con Associazione Comunità Il Gabbiano onlus) si terrà tra le 11 e le 14.

A Rogoredo sono da tempo presenti organizzazioni del CNCA Lombardia, e in particolare laCooperativa Lotta contro l’emarginazione col progetto WelcHome, i cui partner sono l’Associazione Comunità Nuova onlus, finanziato da Regione Lombardia, il Comune di Milano, l’Ats Milano, l’ASST Santi Paolo e Carlo, Spazio aperto Servizi, Coop. Coopwork, AxL e Cad Milano.
Il progetto WelcHome collabora strettamente con gli operatori di Italia Nostra che da anni intervengono quotidianamente nel Parco con il progetto Porto di mare, nato per restituire ai cittadini un vasto territorio di 65 ettari da decenni abbandonato e negli ultimi anni conosciuto più che altro come discarica e luogo di spaccio. Il lavoro di riqualifica produrrà zone destinate ad attività di svago e sportive, restituirà il parco ai cittadini come luogo di vita.

Il CNCA Lombardia si impegna così a promuovere e tutelare il diritto alla salute anche di chi, per ragioni svariate, consuma droghe, a lottare contro ogni forma di violazione di diritti umani, civili e di cittadinanza, e ad affermare principi e relazioni di solidarietà.

“La situazione che si è creata a Rogoredo allarma comprensibilmente l’opinione pubblica.  Noi abbiamo il compito di evitare che ciò inneschi semplicemente, come riflesso condizionato, risposte all’insegna della sicurezza: polizia, esercito, muri, pattugliamenti e presidi”

spiega Rita Gallizzi, responsabile per l’area “Consumi e dipendenze” della cooperativa Lotta all’emarginazione e Responsabile del progetto WelcHome.

“Lavoriamo attraverso un’unità di strada e un drop in -dove è possibile fare una doccia, ricevere beni di conforto, e confrontarsi con gli operatori- su interventi di riduzione del danno e limitazioni dei rischi intervento, come la distribuzione di materiale di profilassi (siringhe, lacci, tamponi, acqua distillata, stagnole, preservativi) ma anche l’aggancio delle persone per orientarle verso servizi specifici”

continua Gallizzi. L’unità di strada del progetto WelcHome prevede 4 uscite settimanali di tre ore con tre operatori. Ogni giorno vengono contattate fino a 100 persone, ma è solo il 10% delle persone che passano dal bosco al giorno.

“Sono persone di tutti i generi e tipi, sia italiane sia straniere. Le donne sono una minoranza. Intercettiamo anche giovanissimi -dai 15 ai 24 anni-, ma l’età media oscilla tra i 35 e i 44 anni. Le sostanze più consumate sono cocaina ed eroina, ma alcuni hanno anche problemi di alcool. Dal 2013 il numero di frequentatori del boschetto è aumentato significativamente, lo spaccio è divenuto H24 e si è abbassata l’età media. Oggi arrivano da tutto il Nord Italia” conclude Gallizzi.

Il problema non riguarda solo gli addetti ai lavori, il problema riguarda tutti, le istituzioni ma anche i cittadini milanesi. Da tempo il CNCA Lombardia sostiene che è sempre più urgente e necessario fare alleanze, con la regia e la presenza autorevole del Comune di Milano e i suoi cittadini

CNCA Lombardia: eletto il nuovo consiglio esecutivo Cattaneo (Presidente) “Rinnovato il nostro impegno nella tutela dei diritti delle persone e dei cittadini”

paolo cattaneo

 

 

 

Milano, 26 ottobre 2018 –

Il 17 ottobre 2018 la federazione del  CNCA Lombardia ha rinnovato le proprie cariche sociali per il prossimo quadriennio eleggendo il nuovo consiglio esecutivo regionale, che risulta così composto:

  • Paolo Cattaneo – Diapason – presidente
  • Rita Ceraolo – La Grande Casa – segretaria
  • Alberto Barni – Comunità Nuova
  • Paolo Tartaglione – Arimo
  • Massimo Ruggeri – il Calabrone
  • Paola Merlini – Cospes
  • Giusy Poma – Aeper
  • Tiziana Bianchini – Lotta contro l’Emarginazione
  • Emanuele Bana – Comin
  • Marco Giacometti – Arche
  • Valerio Pedroni – Somaschi
  • Riccardo Farina – il Giambellino
  • Andrea Colciago – Pavoniani

Si riconferma dunque la presidenza di Cattaneo per il secondo e ultimo mandato, come previsto da statuto e come suggerisce una buona prassi che vede nel passaggio di responsabilità e di competenze uno dei pilastri di una struttura che vuole  essere democratica e partecipata.

Un modo per dotarsi di una organizzazione che possa in questo modo assolvere con maggior coerenza alla tutela dei diritti di cittadinanza delle  persone con cui lavoriamo e che incontriamo nei territori e nelle comunità in cui siamo presenti.

Una composizione che richiama la dimensione regionale stessa con unacopertura pressochè completa delle province lombarde, in cui sono presenti i servizi e le attività realizzate dalle organizzazioni di provenienza di ciascun consigliere.

L’assemblea elettiva, composta dai 36 aderenti alla federazione Lombardaha inoltre confermato le linee guida dei 6 gruppi tematici – Minori Infanzia e Famiglie,  Dipendenze e Carcere, Migranti, Giovani Politiche, Tratta, Spiritualità – che caratterizzano i diversi ambiti operativi e di confronto valoriale e politico del CNCA.

Si sono infine tracciati i titoli delle priorità che caratterizzeranno questo nuovo mandato:
·         partecipazione e ricambio generazionale,
·         impatto sociale,
·         comunicazione
·         democrazia e leadership diffusa delle organizzazioni

“Con questo nuovo esecutivo generato da un giusto mix tra continuità e nuove competenze -dichiara Paolo Cattaneo, confermato presidente- continua e si rinnova l’impegno del CNCA Lombardia nella tutela dei diritti delle persone e dei cittadini che quotidianamente incontriamo e coinvolgiamo nei nostri servizi strutturati e nelle nostre attività territoriali.
Con i piedi per terra e lo sguardo che sogna”

Approvato il decreto Salvini in materia di sicurezza e immigrazione, che modifica la normativa in materia di accoglienza.

Il CNCA Lombardia promuove un approccio diverso: la partecipazione vivace dei cittadini alla solidarietà, alla costruzione e ri-costruzione di legami di cittadinanza e civiltà

Gli esempi di TERREFERME, Ca Roman e del tutore volontario
Milano, 24 settembre 2018 – Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto Salvini in materia di sicurezza e immigrazione. Il provvedimento modifica la normativa in materia dell’accoglienza dei profughi, in particolare dei richiedenti asilo, abolendo il permesso umanitario.
Il CNCA Lombardia promuove un modello opposto: un contesto di cittadinanza attiva e democrazia partecipata, nel quale si collocano ad esempio le esperienze dirette di cittadini che hanno scelto di essere famiglie accoglienti di minorenni migranti soli.

È ad esempio il progetto TERREFERME gestito dal CNCA  in accordo con UNICEF: TERREFERME pone al centro il diritto di ogni minorenne di sperimentare relazioni familiari   accoglienti e prossime (così come previsto dalla CRC ratificata in Italia 1991) e contestualmente percorre concretamente la strada dell’etica della  “corresponsabilità”  dove cittadini/famiglie del Nord (Veneto e Lombardia) accolgono minorenni  migranti soli  ospiti di strutture in Sicilia, regione di sbarco e con il 42%  circa di minorenni migranti soli presenti. TERREFERME ha reso evidente che è possibile dare risposte sensate e coerenti di accoglienza diffusa, partecipata, solidale orientata a sostenere processi di cittadinanza attiva:  sono circa 260 persone (famiglie, singoli, operatori)  che hanno partecipato ai percorsi formativi, molti di loro dichiarando che questo è il “loro modo concreto” di dire no alle scelte urlate di respingimento e di chiusura verso l’altro.

Oggi sono già in atto le prime accoglienze familiari e altre sono in programma, sono circa 25 le risorse famigliari selezionale e idonee, altre si stanno candidando.
Le reti di famiglie accoglienti sono sempre dei processi sociali. L’affido è un progetto sociale e racconta di un modo di essere famiglia, di come essere comunità sociale, della qualità dei legami inclusivi o meno che vogliamo costruire, dice verso quale futuro andare.

Più recente è invece l’esperienza di CA Roman 2018 (alla sua 5° edizione, organizzata dalCNCA Veneto) che ha visto  la partecipazione  di famiglie e cittadini accoglienti di Veneto e Lombardia (circa 230 partecipanti: famiglie con bambini, singoli) per vivere insieme una “tre giorni” (7/8/9 settembre 18) presso l’Oasi naturalistica di Ca Roman (laguna veneta) di convivialità, confronto, partecipazione e costruzione/implementazione di reti e legami solidali tra persone a partire dalla riqualificazione degli abituali contesti di vita perché diventino/ridiventino “luoghi vivi e vitali” di benessere condiviso, di relazioni attente e pacifiche, di prossimità, di costruzione di futuro per noi e per i nostri figli.

Infine, il CNCA ha dato la propria disponibilità a collaborare per sostenere e accompagnare la funzione delicata e importante del tutore volontario di minorenni migranti soli anche attraverso la disponibilità  e la candidatura diretta data da alcuni operatori del CNCA a diventare concretamente tutore volontario quale espressione, ancora una volta, di impegno diretto a tutela dei diritti delle persone.

Per informazioni segreteria.lombardia@cnca.it